Note legali











1) Questo sito non costituisce testata giornalistica, non è a carattere periodico e il materiale viene pubblicato in base alla disponibilità dello stesso. Si declina ogni forma di responsabilità diretta e non, derivata dall'uso delle informazioni presenti su questo sito o dai servizi che il sito offre.

2) Tutto il materiale composto e redatto dallo staff dello Studio Legale Di Costanzo è protetto da copyright. Sono consentiti solo riferimenti a testi interni al sito, purché accompagnati dalla citazione: “Studio Legale Avv. Rossella Di Costanzo” e dal link verso la home page di questo sito o verso le pagine interne dello stesso da cui il riferimento è stato estrapolato.
In nessun caso è consentito l’uso o la riproduzione delle fotografie pubblicate sul sito.

3) La pubblicazione su questo sito di articoli, commenti e in generale qualsiasi contributo protetto dal diritto d'autore, è stata autorizzata dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi. In assenza del previo consenso scritto degli autori, è vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo, analogico o digitale, del materiale presente in questo sito.

4) Ai sensi dell'art. 5 della legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla protezione del diritto d'autore, i testi degli atti ufficiali dello Stato e delle amministrazioni pubbliche, sia italiane che straniere, non sono coperti da diritti d'autore. Il copyright si riferisce pertanto alla elaborazione e alla forma di presentazione dei testi in oggetto.

5) I testi dei provvedimenti normativi e/o giurisprudenziali linkati e/o pubblicati sul sito www.studiolegaledicostanzo.com non rivestono carattere di ufficialità; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze.

NOTA BENE: la riproduzione o la diffusione al pubblico, anche parziali, delle opere presenti su questo sito protette da diritto d'autore, in difetto di autorizzazione dell'autore stesso, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata legge. Ogni abuso verrà perseguito civilmente e penalmente nelle sedi giudiziarie competenti.